Domande più frequenti


Devo programmare un'indagine geognostica a supporto della progettazione di un manufatto civile, quali tipi di prove devo prevedere?
Se il manufatto ha una dimensione modesta puoi realizzare alcuni pozzetti su cui eseguire i campionamenti per le prove di laboratorio. In caso di edificio di una certa mole devi prevedere almeno tre sondaggi con esecuzione di prove in sito (penetrometriche e/o scissometriche) e/o prove di laboratorio (umidità, peso di volume naturale, taglio diretto, prove di compressione edometrica, classificazioni.
 
Quali prove devo richiedere per avere i parametri necessari per il calcolo della capacità portante di fondazioni?
Le formule proposte dai vari autori utilizzano tre parametri fondamentali per il calcolo: peso di volume, coesione, angolo d'attrito. Devi richiedere le seguenti prove: determinazione del peso di volume naturale, prova di taglio diretto.
 
Se il terreno di fondazione è costituito da materiale tenero devo calcolare anche i cedimenti? Quali parametri mi occorrono e quali test di laboratorio devo richiedere?
Ti occorre il modulo edometrico, di conseguenza devi richiedere al laboratorio geotecnico, la prova di compressione edometrica, che ti fornisce ulteriori parametri sulla consolidazione e il rigonfiamento dei terreni, utili per la determinazione dei cedimenti o della spinta dei terreni argillosi.
 
Talvolta vengono richiesti parametri come peso di volume secco, peso di volume saturo, peso di volume immerso, indice dei vuoti, porosità. Come li posso calcolare?
Oltre al peso di volume naturale richiedi al laboratorio geotecnico la determinazione dell'umidità naturale e del peso specifico assoluto dei grani, poi vai alla pagina "utilità" del nostro sito, apri "peso di volume indice dei vuoti porosità", inserisci i parametri richiesti e otterrai quelli mancanti.
 
Per quali prove di laboratorio è necessario eseguire campionamenti indisturbati?
Peso di volume naturale, prova di taglio diretto, prova edometrica, espansione laterale libera, prove triassiali, prove di permeabilità su materiali disposti a strati nella realizzazione di barriere idrauliche.
 
Come posso procedere al campionamento di provini indisturbati in superficie o da pozzetti?
Puoi richiedere un dispositivo manuale per campionamenti indisturbati al nostro laboratorio, che ti fornirà inoltre le adeguate fustelle per ogni tipo di prova e le indicazioni fondamentali per utilizzarlo.
 
Per quali prove geotecniche posso consegnare materiale rimaneggiato?
Granulometria, limiti di consistenza, umidità, peso specifico, prova Proctor, prova CBR, point load test, peso di volume su roccia, prova di permeabilità su materiale da costipare in laboratorio.
 
Quanto materiale devo fornire al laboratorio per l'esecuzione corretta delle prove geotecniche?
Vai sul nostro sito alla pagina "utilità" clicca su "come campionare" oppure vedi la pagina dedicata alla prova specifica che intendi richiedere, in questa sede ti ricordiamo che, se è poissibile, è sempre meglio abbondare.
 
Dopo quanto tempo, a partire dal momento del campionamento, posso consegnare il campione al laboratorio?
E' necessario trasferire quanto prima i campioni al laboratorio, tenendo presente che, nonostante vengano prese tutte le precauzioni possibili, il campione è destinato a perdere umidità nel tempo, modificando in tal modo fondamentali parametri fisici.
 
Devo programmare un'indagine geologica per un tratto di strada, quali tipi di prove devo prevedere?
Se nel segmento stradale su cui indagare non sono previste opere in cemento armato, come ponti o viadotti, puoi fare una serie di pozzetti esplorativi alla profondità di 2/4 metri dal piano campagna sui quali eseguire una serie di campionamenti. Sui campioni prelevati puoi procedere con delle classificazioni che ti permettono di capire se il materiale è idoneo come sottofondo e se è possibile utilizzarlo nella stessa o in altre opere, sia come sottofondo o rilevato, sia come fondazione stradale o se invece deve essere bonificato. Se è possibile puoi realizzare un certo numero prove di carichi su piastra sul sottofondo naturale per veridicarne l'idoneità.
Se sono previste anche opere d'arte devi procedere anche con alcuni sondaggi, almeno uno per fondazione, sui quali eseguire prove in sito (penetrometriche e/o scissometriche) e/o prove di laboratorio su campioni prelevati con fustella shelby e/o direttamente dalle carote disposte sulle cassette catalogatrici. Puoi richiedere peso di volume naturale, umidità, peso specifico, prova di taglio diretto, prova di compressione edometrica, sulle terre; point load test e peso di volume naturale sulle rocce.